Skip navigation

Tag Archives: mac

Dopo oltre un anno e mezzo dal rilascio dalla sua applicazione web, WhatsApp rilascia una app autonoma per Windows e Mac ma che non mi convince.
Almeno su Mac, quando non é in esecuzione non funzionano le notifiche e quindi mi chiedo quale sia la differenza dal farla girare in un tab chrome come facevo prima?
Non é chiaro neanche per quanto riguarda il “tenere lo smartphone connesso”.
Cosa significa? Devono essere xollegati alla stessa rete wifi? O devo essere comunque loggato via smartphone?
Sinceramente mi aspettavo qualcosa tipo Skype che permettesse di essere connesso da vari dispositivi contemporaneamente.
Vedremo come svilupperà. Per ora non mi sembra nulla di rivoluzionario.
Have fun. …always!

Annunci

Una grave vulnerabilità della shell “bash” é stata recentemente scoperta e coinvolge i S.O. Linux e Mac.
Le patch per Linux sono già disponibili da alcuni giorni ed ora é arrivata anche quella per Mac. Consiglio di installarle immediaramente.
In Mac, per sapere se siete affetti da questa vulnerabilità, aprite il terminale e digitate:

env x='() { :;}; echo vulnerable’ bash -c “echo questo é un test”

Se il sistema é vulnerabile restituirà:

vulnerable
questo é un test

Un sistema immune o patchato restituirà:

bash: warning: x: ignoring function definition attempt
bash: error importing function definition for `x’
this is a test

Le patch oer Mac potete scaricarle qui:
Mavericks,
Mountain Lion
Lion.

Per Linux, aggiornate tramute software uodate.
Have fun. ..always!

L’idea di cloud storage da parte di Microsoft è sempre stata considerata un po’ “sui generis” da molti utenti, me compreso.

Da un lato c’era SkyDrive con 25gb di spazio per il semplice storaggio dei files e dall’altra c’era Mesh con 5gb di spazio che teneva i file sincronizzati e permetteva l’accesso remoto, ma erano due “entità” separate e questo lo rendeva poco utile.

Ora cambia tutto e Microsoft ha messo a punto una serie di applicazioni per SkyDrive che hanno rivoluzionato il servizio rendendo possibile il file syncing e l’accesso remoto ai files. Le dimensioni sono state ripensate e sono di 7gb si storaggio e sincronizzazione come opzione base gratuita con la possibilità di aumentare lo spazio disponibile acquistandolo a partire da 10 $/anno per 20gb fino a 50$/anno per 100gb.

La cosa bella è che sembra che per i possessori di un account Skydrive alla data antecedente il 22 aprile 2012 e che abbiano caricato almeno un file, potranno beneficiare a richiesta di un upgrade gratuito a 25gb mentre se si avevano almeno 4gb di files presenti su Skydrive, l’upgrade a 25gb sarà automatico. (corro a prendermi i miei 25gb 😉 (edit:fatto! 😉 ) )

A completare questa svolta, Microsoft ha rilasciato anche dei client per Windows, Windows phone, Mac e iphone. Per Windows 8 e i Windows phone OS di prossima generazione l’integrazione sarà di default.

Noi “sventurati” utenti Linux dovremo arrangiarci da soli (ma faremo presto e meglio 😉 mentre per  i possessori di Android non ha rilasciato applicazioni client ma ha pubblicato una lista di applicazioni consigliate di terze parti.