Skip navigation

Tag Archives: Fedotov

Dmitry Fedotov, alias “Paunch”, la mente dietro la criminale commercializzazione del famigerato “Blackhole exploit kit”, è stato condannato dalla corte di Mosca a 7 anni di detenzione in una colonia penale russa.

Arrestato nell’ottobre 2013, “Paunch” aveva messo su una rete commerciale criminale che gli aveva permesso di tirare su ingenti somme di denaro. Gli inquirenti hanno stimato un giro di affari di oltre 50 mila dollari al mese e a riprova c’è una foto che lo immortala davanti alla sua Porche Cayenne.

Il kit veniva “affittato” a prezzi che oscillavano tra i 500 e i 700 dollari al mese e con ulteriori 50 dollari al mese, Fedotov affittava ai suoi clienti un servizio di criptazione che permetteva di offuscare il malware iniettato tramite il kit e renderlo “invisibile” agli antivirus.

Nello specifico, il “Blackhole exploit kit” veniva inserito in siti web hackerati o malevoli e sfruttava le varie vulnerabilità dei browser web per iniettare nel pc degli ignari utenti il malware scelto dai “clienti”.

Pare sia stato fermato giusto in tempo considerando che, con l’aiuto di altri cybercriminali, Fedotov si stava preparando ad aggiungere al kit altri nuovi exploit. Progettava infatti di creare un nuovo kit chiamato “Cool Exploit Kit” e per la realizzazione del quale aveva incaricato un suo broker, nickname “J.P. Morgan”, di acquistare nel deep web nuove e non documentate vulnerabilità “Zero Day”. Il budget stanziato è passato dai 100 mila ai 200 mila dollari ad ulteriore dimostrazione della capacità economica raggiunta dal criminale.

Bhé, se l’idea che ho della Russia è giusta, “Paunch” si sconterà tutti i sette anni di carcere in maniera anche poco confortevole anche se, visto che da solo non sarebbe stato in grado di mettere su una tale organizzazione, il resto della “banda” rappresenta ancora un pericolo per tutti noi.

Have Fun. …always!