Skip navigation

Monthly Archives: maggio 2016

Google sta lanciando in queste ore Spaces, la nuova app social con cui spera di poter competere meglio di quanto abbia fatto con G+.
Ancora non posso esprimere un giudizio pieno perché devo capirne prima i possibili utilizzi ma ho subito notato che, come al solito, il gigante di Mountain View resta sempre molto autoreferenziale (cosa che gli procura non poche rogne giudiziarie). Lo si nota subito quando, dalla home di uno spaces, si clicca sulla freccetta blu in basso per fare una ricerca e ti chiede di installare chrome.
Sembra sinceramente paradossale per un app che vuole “aprirsi” e farti aprire al mondo, restare legata cosí al suo orticello.
Lo dico anche considerando che la funzione “INVITA TRAMITE…” ti permette di invitare persone tramite tutte, o quasi, le piattaforme già esistenti (cosa buona, secondome) e poi si “auto-castra” nella ricerca (e relativa condivisione di link, immagini web, etc.) imponendo l’installazione di chrome.
Per ora sono queste le mie primissime impressioni poi sapró dirvi di piú (sempre che non lo disinstalli prima).
Have fun. …always!

Dopo oltre un anno e mezzo dal rilascio dalla sua applicazione web, WhatsApp rilascia una app autonoma per Windows e Mac ma che non mi convince.
Almeno su Mac, quando non é in esecuzione non funzionano le notifiche e quindi mi chiedo quale sia la differenza dal farla girare in un tab chrome come facevo prima?
Non é chiaro neanche per quanto riguarda il “tenere lo smartphone connesso”.
Cosa significa? Devono essere xollegati alla stessa rete wifi? O devo essere comunque loggato via smartphone?
Sinceramente mi aspettavo qualcosa tipo Skype che permettesse di essere connesso da vari dispositivi contemporaneamente.
Vedremo come svilupperà. Per ora non mi sembra nulla di rivoluzionario.
Have fun. …always!