Skip navigation

Monthly Archives: novembre 2014

Le frodi ai bancomat tramite skimmer si stanno diffondendo sempre piú anche in Europa e gli skimmer diventano sofisticati e di difficile individuazione. Sempre piú celati e di difficile individuazione, questi strumenti applicati agli sportelli bancomat, rischiano di diventare una piaga per gli ignari clienti.

image

Insomma, nell’era digitale non esiste nemmeno piú il buon vecchio “rapinatore di fiducia” che sottraeva soldi minacciandoti armato. Ora basta uno skimmer e ti alleggeriscono il conto corrente senza che tu te ne accorga almeno fino a quando, per i piú attenti, non ti arrivi la distinta dei movimenti bancari.
Il problema degli skimmer in USA é già conosciuto ma in Europa si é ancora poco sensibili e si rischiano brutte sorprese. Il mio consiglio, visto che gli occhi indiscreti non sono piú solo quelli alle nostre spalle, é di nascondere con una mano quello che l’altra digita mettendo a riparo da un’eventuale telecamera piazzata in alto o di lato il nostro codice pin.

image

Se volete approfondire l’argomento, su Krebsonsecurity trovate informazioni aggiornate.
Have fun. …always!

Annunci

Stando a quello che riporta Symantec (che lo ha scoperto), il malware sopraffino “Regin”, ha spiato e spia in maniera celata interi paesi focalizzandosi su Isp, Tlc, imprese energetiche, compagnie aeree, aziende ospedaliere, etc..
Symantec fa capire che Regin é talmente ben fatto che, anche quando rilevato, non si riesce a capire cosa realmente stia osservando. Insomma un ” mostruoso agglomerato di codice” creato per il cyber spionaggio e molto personalizzabile, capace insomma di accessi da remoto in stile trojan, furto di password e dirottamento delle funzionalità di point-and-click del mouse. Oppure catturare schermate e/o audio dai computer infetti (forse anche smartphone). Ancora, ad ulteriore esempio, monitorare il traffico di rete e analizzare le email dal database exchange.
Insomma, un raffinatissimo “coltellino svizzero” per cyber spionaggio che si struttura in 5 fasi di attacco nascosti e cifrati, tranne il primo, che inizia una reazione a dominio per decifrare ed eseguire la fase successiva.
Geograficamente sembrano essere una decina i paesi interessati e la metà delle attività rilevate sembra interessare Russia ed Arabia Saudita.
A sentire gli esperti, un lavoro “sopraffino” in “punta di codice” che pochissimi sono in grado di creare e già si sospettano hackers cinesi, spalleggiati dalla stessa Cina, o hackers russi.
In ogni caso, a qualcuno la “slot machine” ha sputato fuori un sacco di “bitcoins”.
Have fun. …always!

Edit:
A stare alle ultime indiscrezioni, pare che dietro Regin ci sia il solito asse anglo-americano, interessato soprattutto a Belgacom essendo quest’ultimo tlc che ospita Unione Europea, Parlamento Europeo, Commissione Europea, etc..
Insomma a quanto pare ‘sti “ragazzacci” anglo-americani sono molto interessati a sapere quanto piú possibile su noi cittadini Europei, ma perché tutto ‘sto casino? Basta chiedere. Io, ad esempio, a domanda vi risponderei: “…statte senza penziere!”
Per quanto riguarda Russia ed Arabia Saudita, forse l’interesse massiccio era dovuto, oltre alle questioni Ucraine e ai rapporti Russia-Cina, anche all’incontro tra Russia e paesi OPEC per limitare la produzione di petrolio per tenere controllato il prezzo al barile. Manco a dirlo Ali Al Maini, ministro del petrolio saudita, in compagnia con il venezuelano Ramirez, sono tra i falchi dell’Opec. Ad ogni buon conto, l’accordo non é stato raggiunto e il prezzo del petrolio cala con “massimo gaudio” della Cina che avrà condizioni di produzione ancora piú competitive.
A volerlo, ci si intravedono scenari intrecciati ma io sono un mal pensante e non faccio testo.
Have fun …always!