Skip navigation

Monthly Archives: aprile 2014

Google rilascia Docs e Sheets per Androide e iOS. l’annuncio é stato dato sul blog ufficiale di big G e le apps sono già presenti nel play store. Qui trovate Docs e qui  Sheets.
Have fun …always!

Ars Technica segnala un attacco iniettato tramite twitter sfruttando account compromessi. Il presidente di “weheartit.com”, una compagnia con cui è stato taggato uno dei tweet sospetti, dichiara di aver notato delle attività sospette e di aver provveduto a porvi rimedio ma invita a porre l’attenzione sul problema sicurezza e a riflettere su come un problema, magari sorto a causa di una app o un sito di terze parti, possa a cascata riverberarsi tramite altri servizi ed arrivare ad interessare milioni di persone

WebUpd8: Fix Lubuntu 14.04 Network Manager Missing From The Panel. http://google.com/newsstand/s/CBIwlKbqrho

Per gli esperti di sicurezza informatica e gli IT professionals “heartbleed”, il nome “volgare” del bug  CVE-2014-0160, una vulnerabilità SSL, fa tremare le vene ai polsi.
Un bug che interessa, si stima, un terzo delle strutture web.
Di quelle sicuramente soggette a questa vulnerabilità (che non hanno applicato patch) c’é sicuramente Dropbox quindi se avete un”account e conservate appunti sulla “creazione meccanica del moto perpetuo” che non volete vengano rubati, cambiate subito la vostra password.
Però, …perché c’é sempre un peró, potrebbe non bastare. Eh già! Perché se non hanno versioni aggiornate di OpenSSL la vulnerabilità é sempre presente e sfruttabile.
Per avere certezza che il sito cui stiamo accedendo non sia soggetto a tale vulnerabilità, potete usare il tool gratuito messo a disposizione da McAfee che trovate a questo indirizzo.
Oltre questo, vi segnalo anche questo articolo pubblicato da Mashable in cui viene riportato un elenco dei piú noti servizi online e il loro livello di compromussione da “heartbleed”. Consideratelo un punto di inizio e poi, caso per caso, avvalendovi del tool Heartbleed Checker, effettuate un test  inserendo l’url del servizio di cui vi avvalete.
Have fun …always!

A leggere questo articolo, sembra che in futuro potremmo ritrovarci ‘sto graphene dappertutto.
Riusciranno nella produzione di massa? Vedremo.
Have fun …always!
http://mobile.nytimes.com/blogs/bits/2014/04/13/bend-it-charge-it-dunk-it-graphene-the-material-of-tomorrow/?_php=true&_type=blogs&_r=0

Tutti prima o poi effettuiamo test per misurare la velocità della nostra connessione internet per renderci conto se, tutto sommato, riceviamo il servizio per cui paghiamo.
Una delle cose piú noiose peró é che la maggior parte dei siti che offrono questo servizio ci impongono di avere Adobe Flash installato anche quando non é strettamente necessario, magari giusto per mostrarci un ridicolo misuratore animato.
Per molti utenti, soprattutto Windows users, potrà non sembrare chissà che, ma per utenti linux, magari business, installare flash e tutta la sua miriade di bug e falle di sicurezza é una roba non da poco tanto da far spesso rinunciare.
Un’alternativa valida peró  c’é ed é da linea di comando. Si chiama semplicemente “speedtest-cli”. Come intuibile usa il servizio offerto da speedtest.net e necessita di Python. Lo trovate QUI.
Per installarlo basta digitare:

# # wget -O speedtest-cli \
  https://raw.github.com/sivel/speedtest-cli/master/speedtest_cli.py
# chmod +x speedtest-cli

Poi basta lanciare lo script

./speedtest-cli

Voilà! Ecco il risultato del vostro test.
Have fun. …always!

Alcuni esempi, dieci per la precisione, su come sfruttare al massimo, con linux, alcuni servizi e applicazioni web utilizzando add-ons, scripts e app aggiuntive e renderli dei “must have” irrinunciabili
http://tpt.to/a4nPm7R

Have fun. …always!

Dovesse servire, qui un “how to” per recuperare dati e files persi usando una Red Hat e derivate (Fedora e CentOS).
Have fun, …always!

http://tpt.to/a4npgbQ