Skip navigation

How to – Sincronizzare files tra Windows e FreeNAS 0.7.2 Sabanda (rev. 5234)

FreeNAS è una distribuzione opensource ormai molto nota per creare un NAS “casalingo” utilizzando un vecchio PC ridonandogli la dovuta dignità.
Molti di voi avranno ormai installato FreeNAS usandolo appunto come NAS “casalingo” limitandosi ad attivare il servizio “CIFS/SMB” (Common Internet File System / Server Message Block) e usandolo come cartella di rete dove fare il backup dei files che vi interessano.
Ma c’è una caratteristica molto interessante che può essere sfruttata per sincronizzare files e cartelle di Windows con FreeNAS tramite il protocollo “rsync”. Facendo ciò, avremo una sincronizzazione di backup dei files o delle cartelle scelte sulla macchina Windows con una cartella su FreeNAS in modo da recuperare quanto più possibile in caso di “disastro”. Tutto ciò è possibile installando sul nostro PC windows il programmino opensource “DeltaCopy”.

Vediamo come fare:
Per prima cosa consiglio di disabilitare il “dhcp” e assegnare un ip fisso alle nostre macchine.

Fatto questo, dopo aver effettuato la configurazione di base si FreeNAS aggiungendo i dischi (dischi>gestione) e creando dei “punti di mount” (dischi>punto di mount) (ci sono tonnellate di tutorials sulla rete. Consiglio “how to forge”) andiamo a configurare tutto il necessario.

A titolo esemplificativo, consideriamo FreeNAS assegnatario di ip 192.168.1.100 (adattate l’ip alle vostre esigenze). Sempre a titolo esemplificativo consideriamo il mio caso: ho un desktop sulla scrivania ed un netbook che uso per lavoro. La mia intenzione è di creare dei backup di entrambe i PC

  • Entriamo nella gui del nostro FreeNAS via browser inserendo 192.168.1.100 nella barra degli indirizzi e facciamo il login.
  • Alla pagina iniziale di FreeNAS, andiamo su “Avanzato>Gestione file” ed inseriamo di nuovo le ns credenziali. Navighiamo tramite mouse su /mnt/”ns_punto_di_mount”/ . In alto a destra, c’è un combobox ed un’altra “casella”. Click sulla freccia della combobox e selezioniamo “Directory”; nel box affianco scriviamo il nome della cartella che vogliamo creare e clickiamo su “create”. Io ho creato le cartelle “desktop” e “netbook”. Facciamo il logout da “Gestione File”.
  • Rientriamo nella gui di FreeNAS da browser.  Andiamo su “Accesso>Utenti e gruppi” e creiamo due nuovi utenti: “desktop” e “netbook” che assegneremo al gruppo “network” ed ai quali assegneremo come “Directory Home” le rispettive cartelle create precedentemente.
  • Ora andiamo su “Servizi>Rsync” e scegliamo la scheda “Client”. Aggiungiamo un nuovo modulo (tramite il segno più). Nella schermata di creazione in “Condivisione locale” scegliamo la cartella “desktop” (/mnt/punto_di_mount/desktop/); In “Server remoto Rsync” inseriamo l’indirizzo ip della macchina Windows di cui vogliamo salvare i dati. Nel mio caso ho inserito 192.168.1.101 che è l’indirizzo ip del mio PC desktop. Come “Nome del modulo remoto”, ho inserito “desktop”. Finiamo settando “periodo di sincronizzazione”. Io ho selezionato “15” e “45” in minuti e “tutto” in ore, giorni, mesi, giorni settimana”.
  • Siccome voglio sincronizzare anche il netbook, ho ripetuto i passi precedenti scegliendo come “condivisione locale” la cartella “netbook” (/mnt/punto_di_mount/netbook/); come “Server Remoto Rsync” l’ip del mio netbook che è impostato su 192.168.1.99; come “nome del modulo remoto” ho scritto “netbook”e come periodo di sincronizzazione ho selezionato “30 e “59” in minuti e “tutto” sul resto. Fatto questo, a fine pagina cliccare su salva e poi cliccare su “Applica modifiche”.
  • Sempre in “Servizi>Rsync” clicchiamo sul tab “Server>moduli”. Click sul simbolo “più” (+) per aggiungere nuovo modulo (nel mio caso sono due). Nel campo “nome” ho inserito “desktop”; in “Commento” ho inserito “desktop”; in “Percorso” ho inserito “/mnt/punto_di_mount/desktop/” e per maggiore sicurezza nel campo “Consenti Hosts” ho inserito l’ip del mio pc desktop (192.168.1.101). In basso clickare su “salva” e poi su “Applica modifiche”.
  • Sempre in “Servizi>Rsync” clickiamo sul tab “Server” e poi sul suo sub-tab “Settaggi”. Inseriamo a destra la spunta su “Abilita” e nel campo “Mappa come utente” scegliamo “ospite” e lasciamo invariato il resto. Clicchiamo su “Salva e riavvia”.
  • Per ultima cosa, sempre sul menu “Servizi”, selezioniamo “ssh” e inseriamo il segno di spunta su “Abilita”  nella casella in alto a destra. Clickiamo su “Salva e riavvia”.

Fatto. La configurazione di FreeNAS è completata. Passiamo ora ai pc Windows.

Illustrerò solo la procedura per il pc “desktop”. Adeguando le istruzioni potrete adattarlo alle vostre esigenze (Marcè! Sto’ pensanne o’ laboratorie!).

  • Iniziamo installando DeltaCopy. Una volta terminata l’installazione, lanciamo “DeltaCopy server” e scegliamo come autenticazione “Local user”. Clicchiamo su “Start Server”.
  • Nel tab “Virtual Directory”, facciamo doppio click su “<Add new directory>” e diamogli il nome “desktop”. In “Path”, cliccando sul tasto “Browse”, scegliamo la cartella di cui vogliamo fare il backup (nel mio caso ho selezionato la cartella “Documenti” ma avrei potuto sceglierne qualsiasi; addirittura anche un disco”). Clicchiamo su “close”.
  • Ora apriamo “DeltaCopy client”. Facciamo doppio click su <Add new Profile>. In “Profile name” inseriamo “desktop”; in “Server IP/Host Name” inseriamo l’ip del nostro FreeNAS Box che nel mio caso è 192.168.1.100. In “Virtual Directory Name”, facendo click sul pulsante di browse (i 3 puntini), vi comparirà il nome della cartella “desktop”. Att.ne: se avete creato più profili su FreeNAS, tramite il pulsante freccia del combobox, selezionate la cartella appropriata. Nel mio caso avevo “desktop” e “netbook”. Io ho selezionato “desktop” in questo caso. Ultimo controllo è clickare su “Test connection”. Se riceviamo il box “Connection Succesfull” è andato tutto bene. In caso contrario, riguardate i passi della configurazione di FreeNAS. Magari avete dimenticato qualcosa (tipo clickare su “applica Modifiche” da qualche parte. Vi chiederete come lo so? Bhe! Capisce a ‘mme” ;-D). Se è andato tutto bene, clickate su “Add Profile”.
  • A questo punto selezionate il nuovo profilo appena creato (“desktop” in questo caso) e clickando sul tasto “Add Folder” sulla destra nel tab “File list”, selezionate la cartella che volete sincronizzare (nel mio caso “Documenti”). Ora spostatevi nel tab “Options” e spuntate “Connect via SSH”. Ora clickando col tasto destro sul profilo “desktop”, selezionate la voce “Run Now” e godetevi la sincronizzazione. Fatto. Non vi resta altro che settare le opzioni in “Copying Schedule” in base alle vostre preferenze per automatizzare i backup.

La prima sincronizzazione potrebbe prendere parecchio tempo poi la sincronizzazione sarà incrementale e si limiterà ad aggiornare la cartella su FreeNAS in base alle variazioni (inclusione/cancellazione) dei files.

Buon sync a tutti. Io vado a riposare un po’ le mani (minc..a quanto ho scritto)

Have fun …always!

Annunci

3 Comments

  1. il tuo articolo e mi sembra molto dettagliato vorrei quindi sottoporti il mio problema

  2. ho realizzato il mio server/nas con freenas FreeBSD 7.3-RELEASE-p6 (revisione 199506) nel mio notebook ho installato ubuntu 12.04 già da diverso tempo sto tentando di risolvere i problemi di connessione sia tramite rete interna che tramite accesso remoto
    per quanto riguarda la rete interna 9 volte su 10 ricevo il seguente errore
    ” Impossibile mostrare «network:///». Errore: La posizione è già montata Selezionare un altro visualizzatore e tentare di nuovo.”
    e spesso devo riprovare più tardi e quindi sempre ricevendo il solito errore al secondo tentativo riesco ad accedere a freenas
    è stato impostato IP Interno fisso di freenas e sono stati abilitati i servizi CIFS/SMB, NFS
    ho provato a eseguire l’operazione tramite il gestore di file system, avendo tra l’altro abilitato il servizio SSH (inserisco:
    nel campo server = IP impostato a freenas
    tipo = SSH cartella = / (lascio invariato)
    nome utene e password = dati impostati nell’accaunt creato su freenas
    ottengo “Errore di protocollo” cosa sto sbagliano?????

    per quanto riguarda l’accesso da remoto invece sono messo veramente male ho provato con il servizio SSH attivano il servizio DynDNS ma vista la mia scarsa esperienza non sono riuscito a tirare fuori un ragno dal buco!!!!!
    ho già provveduto a creare un IP statico su DynDNS, il mio router è una vodafonestation (non
    c’è sulla rete una guida che spieghi come configurare le porte ed abilitare il servizo DDNS) vorrei sapere se tu mi potessi spiegare passo dopo passo come configurare FreeNas, la vodafonstatio ed il mio notebook per poter accedere da remoto….
    di nuovo grazie

    • Ciao Daniele e benvenuto.
      Prima di poter accedere alla condivisione del NAS devi creare le cartelle condivise, montarle e creare utenti con i dovuti permessi per l’accesso.
      Sul lato router devi aprire le porte su cui opera il NAS ma per quanto riguarda specificatamente la vodafone station non ho esperienza

      Ci


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...