Skip navigation

Monthly Archives: luglio 2008

Riapro, tristemente, con un continuo del precedente post a riguardo della strada provinciale per Formicola.

C'è scappato l'ennesima vittima. Nella notte tra venerdi e sabato, in uno scontro frontale ci ha rimesso le "penne" una ragazza di 22 anni.

Da circa un mese, all'altezza della curva in località "Patricella", proprio nel centro della strada, a seguito di una riparazione ad una perdita nell'acquedotto, è stato piazzato in maniera scellerata… anzi … criminale, un cartello sulla buca di riparazione. Un ragazzo, anch'esso di Formicola, che nella notte rientrava a casa, si è trovato improvvisamente davanti alla macchina questo ostacolo e, scartando a sinistra, ha impattato frontalmente l'auto che viaggiava in senso contrario e su cui si trovava Giusy, una ragazza anch'essa di Formicola. Un attimo. Un solo attimo e una vita così giovane, con così tante cose ancora da fare; con aspettative non ancora compiute; una vita alla quale i genitori avevano dedicato tanti anni di duro impegno e dalla quale aspettavano le piccole gioie di una vita come un matrimonio, dei nipotini da tenere tra le braccia, un conforto nella vecchiaia, un riferimento sincero cui relazionarsi, …. una figlia insomma … un attimo e … per la leggerezza di quei minchioni che hanno pensato, grandissime teste di cazzo, che fosse normale piazzare un segnale nel centro di una carreggiata nel bel mezzo di una curva …. è tutto finito.

Sono, queste, situazioni in cui di fronte al dolore dei genitori ti vengono a mancare le parole ma purtroppo i silenzi sono ancora piu' assordanti e beceri di qualunque cosa si possa dire ed è per questo che dico a Lino (il papà), ad Antonietta (la mamma) e alla sorellina di Giusy di chiedere a chi è piu' grande di noi di fargli trovare la forza di accettare quello che non riusciamo a capire.

Ciao giovane ragazza. Arrivederci a quando sarà sperando che a decidere del nostro destino non sia un tecnico testa di cazzo del consorzio idrico.

Annunci