Skip navigation

Bene; ho avuto tra le mani per qualche giorno la release 5308 di Windows Vista e queste sono le impressioni.
La nuova veste grafica, basata sul graphic engine “AERO”, è davvero notevole anche se chiaramente, per i possessori di MacOS, non è una novità. Ma bisogna considerare che i SO Windows girano su pc assemblati con le più disparate componenti hardware, diversamente dai sistemi MacOS che hanno hardware dedicato e su misura, e quindi è un grosso salto in avanti.
Diversamente dalle release precedenti, il supporto hardware è stato ampliato e migliorato.
Personalmente l’unico problema che ho avuto è stato con lo schermo. Nello specifico Vista  settava di default  una risoluzione  del  mio monitor LCD  con  una  frequenza  di  refresh  troppo alta e quindi il monitor si spegneva perchè andava oltre il range di frequenza di cui era capace.
Ho risolto avviando in modalità provvisoria e settando una frequenza del monitor adeguata.
Ho avuto anche altre migliorie installando i driver Ati_5308_beta per la mia Radeon 9600.
Per il resto dell’hardware, hanno funzionato i driver progettati per Windows XP anche se a volte sono risultati non certificati Microsoft come d’altronde succede già con Windows XP sp2.
All’apertura della sessione, oltre la nuova veste grafica fatta di belle icone e bei colori, ci si ritrova dinanzi ad un desktop completamente rinnovato con qualche impaccio dato dal menù che si comporta in una maniera insolita ma a cui ci si abitua presto. Il sistema è diventato più immediato ed intuitivo. Quando si apre una cartella, selezionando un file, vengono visualizzati i dettagli in una barra in fondo alla finestra in cui viene indicato il tipo di file, la grandezza e le volte che si è usato grazie ad un sistema di rating basato su 5 stelle.
Se si apre ad esempio risorse del computer e si seleziona un disco, viene visualizzato, sempre nella barra in pedice, il tipo di file system con cui è formattato, la capienza totale e lo spazio ancora inutilizzato sia in cifre che tramite una barra indicativa.
Una novità di cui sono personalmente entusiasta è l’applicativo “Windows Calendar” che è diventato un vero e proprio “PIM” molto funzionale, chiaro e già dotato di uno strumento di sincronizzazione, implementato a livello nativo nel sistema, che permette lo scambio di dati con altri pc o con palmari basati su “Windows Mobile”. Una cosa che può sembrare scontata ma voglio ricordarvi che in precedenza, per avere un PIM che funzionasse a dovere, bisognava acquistare il pacchetto Office ed utilizzare MS Outlook ed installare il software Ms ActiveSync.
Altra gradita sorpresa, per me, è l’applicativo Windows Movie Maker ver. 6.0 che oltre ad essere stato migliorato con l’aggiunta di nuovi effetti, transizioni e titolazioni, offre ora anche la possibilità di salvare i propri filmati su un DVD, grazie all’implemento di un software di DVD authoring chiamato DVDMaker che funziona anche come applicazione esterna a Movie Maker, o di riversarlo sul nastro della videocamera digitale.
Altro applicativo innovato è il “Windows Photo Gallery” che funziona da semplice visualizzatore di foto ma che può “switcharsi”, premendo F11 o tramite il tasto centrale del pannello comandi, in un vero e proprio “slide show system” che dimostra ancora una volta la potenza e la raffinatezza del motore grafico “AERO” che supporta pienamente il 3D.
E’ difatti evidente che “AERO” sia il vero “grande cuore” su cui poggiano tutti gli applicativi grafici e multimediali. Anche Windows Media Player, giunto alla versione 11, risulta molto elegante, intuitivo e funzionale ma il vero Re delle applicazioni multimediali è il nuovo “Media Center”. Tutte le applicazioni multimediali sono figli di questa grandissima applicazione. E’ un “sistema” nel sistema. Un’applicazione che trasformerà il modo di intendere il computer e che prevedo sarà l’applicazione del futuro per quanto riguarda l’home entertainment. Non avremo più bisogno di lettori dvd, stereo, ricevitori satellitari, games consolle e altri ammennicoli vari ma ci basterà aprire Media Center per ascoltare musica, guardare foto e video, guardare la tv (è già pronto per lo standard HDTV), giocare ed altro ancora. Insomma, pensate che ho perso due ore circa a girarci dentro e quindi per averne un’idea piena dovrete aspettare di vederlo.
Anche sul lato giochi ci sono delle novità. Oltre ai classici giochi di Windows che sono stati rivisitati graficamente grazie alla collaborazione con la Oberon Games, quest’ultima ha sviluppato per Microsoft tre nuovi giochi stupendi che sono “Chess Titans”, “Mahjong Titans” e “Purble Place”(dedicato ai più piccoli) tutti dalla grafica accattivante.

Che Microsoft fosse diventata più attenta alla sicurezza erà un trend che avevamo già intuito ma in questa versione di Windows si cominciano a vedere i frutti del lavoro delle “inteligentie” dei ragazzi di Redmond. Quindi troviamo un programma anti-spyware chiamato “Windows Defender”, in versione beta, che ci aiuta a proteggerci da spyware, malware, ad-aware e altro sudiciume vario. Altro applicativo importante è “BitLocker Drive Encryption” tramite cui potremo criptare il nostro disco in modo da avere accesso esclusivo ed evitare danneggiamenti ai files di sistema.
Questi strumenti si aggiungono a “Windows Firewall”, “Windows Update”, al “Controllo Parentale” e agli altri strumenti del “centro sicurezza” raggiungibile dal pannello di controllo.
Una novità che accolgo calorosamente è il ritorno dell’applicazione “Windows Backup” che è in grado di fare un backup di singoli tipi di file o di creare una Immagine completa del nostro sistema e di riversarla su supporti ottici (DVD e CD) o su un disco o una partizione secondaria senza che ci si debba avvalere di software di terze parti.
Anche Internet Explorer 7 è mirato ad incrementare la sicurezza mentre navighiamo in internet ed infatti implementa tutte le funzionalità presenti nel Security Center di cui abbiamo parlato prima.
Molte altre le novità che vanno dalla possibilità di creare una rete senza fili, a quella di collegare il nostro pc ad un proiettore in rete, al riconoscimento vocale tramite cui lanciare le applicazioni al “Windows Narrator” in grado di leggergi ciò che è a video ma di cui non ho potuto testare la validità perchè “calibrato” sulla lingua inglese.
Per ciò che riguarda gli strumenti di amministrazione non ho notato grosse novità ed è anche comprensibile visto che hanno una consolidata usabilità e funzionalità che ereditanodai precedenti SO.
Ancora ritengo molto utile lo strumento di “indexing” grazie al quale velocizzare le ricerche di files nel pc.
Anche la “guida” ha subito una notevole miglioria. Difatti si presenta come uno strumento duttile per consultare sia la guida di Windows quanto quella on-line sia per chiedere aiuto ad altri utenti remoti.
Insomma l’impressione è che, per la prima volta, il sistema di casa Microsoft non sia più un accumulo di applicazioni indipendenti una dall’altra e che si appoggiano sul kernel del sistema per funzionare ma che si stia avviando a diventare un unico grande Sistema Operativo che implementa e correla tutte le applicazioni di cui dispone e questa, con i suoi pro e i suoi contro, ritengo sia la strada giusta da seguire.
In conclusione direi che, visto che Microsoft ha anticipato che Vista sarà prodotto in sei differenti versioni, quando sarà il momento cercherò di avere quella “full optional” perchè sono già innamorato di questo SO e non mi sentirei di rinunciare ad una cosa piuttosto che ad un’altra.
Ciao e scusate se vi ho annoiato.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...